Black Sabbath – Live at Montreux Casino 1970

Black Sabbath ebbe un grande successo (n.8 nelle classifiche di vendite inglesi) dovuto, in gran parte, alla presenza di composizioni storiche della band come Black Sabbath, The Wizard e N.I.B.. Il disco presentava tratti originali e diversi dal panorama rock di quei tempi, sia per la musica che per i testi. I loro coevi Deep Purple e Led Zeppelin, altre formazioni influenti per il metal, praticavano un sound più melodico e aperto anche a rock ‘n’ roll e blues. La musica dei Black Sabbath, pur con caratteristiche simili, presentava sonorità più pesanti e oscure, con riferimenti al demonio e all’occulto. Nella canzone Black Sabbath Tony Iommi utilizza la “Triade del Diavolo” (un giro fondato sull’intervallo di tre toni, tritono appunto, SOL – REb), un intervallo musicale fortemente dissonante e disorientante, proibito nel Medioevo perché la Chiesa cattolica pensava che avrebbe evocato il demonio.
Sebbene cenni di questo tipo si potessero trovare anche nei lavori di altri gruppi dell’epoca, come i Led Zeppelin o i Beatles, i Sabbath si spinsero oltre, sia per l’insistenza su questi argomenti che per il modo diretto in cui erano affrontati, tant’è che questi divennero, in seguito, alcuni degli stereotipi che caratterizzeranno il metal. Questo tipo di testi portò alla band numerose critiche, accuse di satanismo ed occultismo e in generale la disapprovazione di molta parte dell’opinione pubblica del tempo.[26] Queste contestazioni, tuttavia, contribuirono al fascino che la band esercitava sul suo vasto pubblico di giovani.
Il successivo Paranoid rappresenta tuttora il maggior successo commerciale del gruppo (n.1 nella classifica inglese, con quattro dischi di platino e uno d’oro all’attivo)[28] ed è considerato di essenziale importanza per la nascita dell’heavy metal. Il lavoro conquistò milioni di fans in tutto il mondo, grazie a Paranoid, Iron Man, Electric Funeral e War Pigs. Con questo lavoro il gruppo mostrò di andare oltre l’immagine “nera” che lo accompagnava, componendo brani con argomenti più maturi, come War Pigs, critica dei politici responsabili degli orrori della guerra, o Iron Man che ha un testo fantascientifico.

Live at Montreux Casino, Montreux, Switzerland 31st August 1970

01. Intro – 01.22
02. Paranoid – 02.59
03. N.I.B. – 05.45
04. Behind The Wall Of Sleep – 06.03
05. Iron Man – 06.23
06. War Pigs – 07.43
07. Fairies Wear Boots – 08.42
08. Hand Of Doom – 08.30

Sabbath

Un pensiero riguardo “Black Sabbath – Live at Montreux Casino 1970

  • marzo 25, 2017 in 12:39 pm
    Permalink

    Altissima qualità audio e ottima performance della band! Grazie mille, caro Magar!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *